Il Giro di Giostra ha compiuto dieci anni

Era il 19 settembre 2010, esattamente 10 anni fa la prima edizione di Giro di Giostra al Rubattino, festival dei giochi di strada. ()

Foto1
Sarebbe bello poter oggi sollevare i calici e brindare in modo adeguato all’anniversario di una manifestazione che ha animato per 8 anni il nostro quartiere. Ma ci troviamo invece nella condizione di scriverne con nostalgia e tristezza.

Per otto anni il parco di Rubattino è stato al centro di una vera e grandissima giostra piena di colori, giochi, partecipazione, gioia e voglia di stare insieme. Il bilancio complessivo, visto con gli occhi di oggi, ha davvero dell’incredibile:

• Migliaia di persone arrivate ogni anno da tutta la città, ma non solo
• Decine di associazioni presenti provenienti non solo dal territorio milanese ma da tutto il nord Italia: Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombrardia, Veneto.
• Presenza di giochi della tradizione italiana che rarissimamente vengono conosciuti e presentati al di fuori del contesto e dei piccoli borghi in cui sono nati
• Stretta collaborazione e riconoscimento ufficiale da parte dell’Aga, l’Associazione Giochi Antichi che è riconosciuta a livello europeo per la diffusione e la promozione del gioco tradizionale.
• E poi decine di volontari, di gruppi, di musicisti, di giocolieri, di appassionati liberi di gioco.

Crediamo che tutti quelli che hanno avuto la possibilità di passare almeno una volta e abbiamo vissuto dal di dentro l’atmosfera che si respirava al Giro di Giostra, siano tornati a casa con il sorriso e con la gioia di esserci stati. Per noi questa è l’unica e più grande soddisfazione.

Martha Nussbaum, studiosa statunitense di filosofia antica, di diritto e di etica ha stilato per le Nazioni Unite la lista delle 10 capacità fondamentali che deve avere l’uomo per essere considerato “libero”. Fra queste capacità ha inserito anche il “Gioco” inteso come essere capaci di ridere, giocare e godere di attività ludiche e ricreative.

Noi abbiamo provato a promuovere il “Gioco” quello vero, gratuito e spontaneo.
Ci siamo fermati quando non ci siamo sentiti più “liberi”.
Ci è rimasta però la voglia di giocare e continueremo a farlo ogni volta che ne avremo occasione.

Ringraziamo di cuore tutti coloro che ci sono stati e che ci hanno creduto insieme a noi.




Commenta

Re: Il Giro di Giostra ha compiuto dieci anni
29/09/2020 Emanuele Breveglieri
Libertà di cosa in questa città?
I cittadini, appena organizzano una manifestazione, un evento, un momento di socialità che abbia un riscontro da un numero sufficiente di persone vengono subito messi di fronte al fatto che c’è sempre bisogno di un "aiutino"...
Gli amministratori cittadini, in special modo quelli di rango più basso, sono poco avvezzi ad essere esclusi da ciò che funziona ed hanno paura delle iniziative dal basso; si perché funziona così poco a livello di quartieri, qui nella splendida e luccicante Milano, che appena c’è qualcosa che marcia bene bisogna metterci sopra il logo del Municipio coinvolto, così si prendono punti presso il partito di riferimento.
Le iniziative autonome non sono sotto controllo e possono sfuggire di mano, far vedere che, anche senza l’aiuto “degli amici” le cose si possono fare.
Giro di Giostra ne è un esempio.
Quando ha cominciato a totalizzare 5/6000 presenze ad edizione a qualcuno sono luccicati gli occhi, perché se per me erano 5/6.000 persone che giocavano in libertà, per qualcun altro erano solo 5/6.000 potenziali elettori da mostrare ai Pisapia o ai Sala di turno.
Quindi? Quale libertà?
Certo, GdG mi manca, come mi manca la libertà, in questo momento, a Milano.


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha