Nuova edilizia residenziale

L'edificio in costruzione in via Cima 39 rispetta le distanze imposte dalle norme? Rispondiamo alla domanda di una lettrice. ()

IMG 20200916 cima39Avrei piacere di sapere se questo 'mostro' di cui allego foto, rispetta le distanze tra gli edifici già esistenti. Si trova in un'area ex Ferrovie dello Stato, in via Cima 39, ed era un piccolo spazio mal tenuto, tra le case ex Ferrovieri tra via Cima e via Pitteri. È stato ceduto a privati che hanno pensato di sfruttare al massimo questa piccola area, sia in ampiezza che in altezza, per creare appartamenti. La nuova costruzione (ma si dice che ne sorgerà una seconda) chiude completamente la visione aperta che esisteva tra i cortili e le vecchie case tra le due vie, Pitteri 4 e Cima 39.
Un pugno allo sguardo e un furto d'aria e di verde.

Grazie per il vostro sempre attento interesse per la zona 3. Cordiali saluti.

Lucia Rizzi

Non siamo esperti in materia, ma ci risulta che la distanza minima da mantenere tra le pareti finestrate di due edifici contigui debba essere di almeno dieci metri; inoltre la distanza deve essere tale da evitare che una retta inclinata di 60 gradi a partire dalla base di un edificio intersechi l'altro edificio. Dalla foto ricevuta non si rileva la distanza tra le pareti contigue del nuovo e del vecchio edificio, ma dubitiamo che sia stata approvata una concessione edilizia in mancanza dei requisiti accennati.

Dobbiamo comunque far presente che l'assessorato all'Urbanistica sta permettendo la costruzione di nuovi edifici con volumetrie tali da risultare del tutto invasivi rispetto al contesto ambientale in cui si inseriscono, grazie all'applicazione di norme comunali e regionali che invece di contrastare consumo di suolo e la cementificazione del territorio offrono largo spazio a interventi altamente speculativi, sollevando numerose proteste tra i cittadini. Basta ricordare nella nostra zona gli esempi di via Botticelli, dove è in costruzione un imponente edificio al posto dell'ex Istituto di Arti grafiche Rizzoli o il progetto approvato per i grattacieli in via Crescenzago, di fianco al parco Lambro.

Va aggiunto che con l'attuale regolamento sul decentramento l'informazione preventiva e la partecipazione dei cittadini su questioni così importanti, che li riguardano direttamente, sono ridotte a zero e di fatto negate, in quanto i progetti edilizi non vengono nemmeno inoltrati né tanto meno discussi nei vari Municipi.


Commenta

Re: Nuova edilizia residenziale
01/10/2020 Mario Legramandi
Sono d'accordissimo con il commento. Come esempio ulteriore invito a vedere il palazzone che si sta costruendo in Piazza Aspromonte a opera degli stessi operosi cementificatori delle torri di Crescenzago. Al centro di un quadrilatero composto in massima parte di case dell'inizio del secolo scorso si sono abbattuti piccoli fabbricati per dar spazio a 48 appartamenti su sette/otto piani. Come e' possibile avere i permessi per abbattere edifici in un cortile interno con a pochi metri le abitazioni? E i permessi per sopralzare gli edifici demoliti? Se il piano di gestione del territorio permette questo tipo di speculazioni in aree gia' ad altissima densita' abitativa forse e' il caso di rivederlo oppure di non sprecare fiato sul 'recovery green'.


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha