Il Green New Deal milanese

Riprendiamo dalle segnalazioni di vari comitati cittadini proteste e denunce contro la politica ambientale dell’amministrazione comunale. ()

Salviamo i parchi
Ma perché si ostinano a tagliarli? Ci vogliono decine di anni per farli crescere!. Leggo su un post nella pagina fb Salviamo i Parchi questa domanda che mi sto facendo pure io da tempo.
Gli alberi sono diventati il paradigma che rivela quanto di vero o di finto ci sia nella dichiarata politica del Comune di Milano a proposito di salvaguardia del bene “ambiente”, di cui l’albero è l’emblema per eccellenza. L’albero ha un valore sacro e universale; se davvero rispettiamo la natura non possiamo accettare che anche un solo albero venga abbattuto, se non lo impone una necessità di ordine superiore. E’ del tutto superfluo approntare un Piano Clima, chiedere ai cittadini osservazioni e pareri, se poi contemporaneamente si preferisce lasciar abbattere alberi e ridurre gli spazi verdi, come sta succedendo.

Nella nostra zona dopo l’eliminazione del parco Bassini, un incredibile scempio a cui non si è voluto porre rimedio, significativo della noncuranza del bene “ambiente” che hanno dimostrato i responsabili degli Enti coinvolti, Politecnico e Comune, abbiamo da poco dovuto registrare da parte degli stessi Enti la volontà di abbattere altri alberi per l’apertura di un passaggio tra la piscina Ponzio e l’università di cui non si rileva la reale utilità.
Ma non si tratta di casi isolati.

Nel Parco di via Cividale del Friuli in zona 7 per costruire una nuova pista ciclopedonale asfaltata verranno abbattuti alberi e distrutto verde, interventi che hanno suscitato proteste e reazioni degli abitanti di una zona già minacciata anni fa dal progetto delle “Vie d’Acqua”, un’opera assurda, invasiva, inutilmente costosa, che venne fermata per tempo grazie alla mobilitazione dei cittadini e bloccata definitivamente dopo l’intervento della magistratura. Ora i residenti si sono trovati di fronte all’avvio di lavori appaltati con i fondi del Bilancio Partecipativo 2018, mezzo milione di euro per realizzare selezionati tra i progetti più votati dai cittadini.
Il progetto prescelto, redatto sulla scia degli interventi previsti con le “Vie d’Acqua”, ha ricevuto tutti i fondi disponibili per realizzare nuovi attraversamenti in un Parco dove esistono già vialetti e piste ciclabili. una scelta certo ben poco partecipata dai cittadini e dal comitato lcittadino locale “ che lamenta oltre il danno, vorremmo dire, le beffe; non si sono più avute notizie dopo la fase di presentazione e sommaria descrizione dei progetti del Bilancio Partecipativo 2017-2018 e oggi ì lavori stanno partendo tra la meraviglia e lo sconforto dei residenti.

Per il Parco Agricolo del Ticinello i cittadini riuniti nel Comitato Difesa Ambiente di zona 5 hanno lanciato un appello per la difesa del parco, il quarto in ordine di grandezza tra i parchi milanesi, al confine tra la città e il Parco Agricolo Sud, per evitare che vengano abbattuti alberi, consumato suolo realizzando una serie di interventi che alterano le caratteristiche naturali e paesaggistiche danneggiando l’ambiente, una scelta ben poco ecologista per un Comune che ha riconosciuto lo stato di emergenza climatica impegnandosi a predisporre tutte le misure atte a contrastarla.
La lettera sottoscritta da numerosi Comitati e Associazioni cittadine è consultabile qui.

Sono esempi questi che fanno constatare un evidente distacco tra le buone intenzioni e le scelte politiche e che mostrano, pur nella limitata incidenza che possono avere rispetto a temi di ben più ampia portata, come ambiente e partecipazione vengano declinati senza tener conto del significato e del valore rappresentati dall’ambiente e dalla partecipazione per la comunità cittadina.


Commenta

Re: Il Green New Deal milanese
18/02/2021 maurizio
Buongiorno scrivo da via bistolfi e segnalo che in via trentacoste sono stati abbattuti alberi decennali di biodiversità su aerea privata venduta dal comune questo per pulizia e manutenzione! L area era chiusa al pubblico e messa in sicurezza da tempo a mail inviate al municipio 3 nessuna risposta!saluti


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha